Vediamo insieme come iniziare una lavorazione in tondo e la differenza tra un inizio con un cerchio magico e con un anello di catenelle.

“No, non si tratta di una fiaba e non compariranno Elfi o il mago Gandalf alla ricerca dell’anello magico 😁

Parliamo di una tecnica che diventerà indispensabile per realizzare gli AMIGURUMI o per realizzare degli accessori circolari come:

  • cestini tondi,
  • sottopiatti
  • berrettine, ecc.

Esistono due modalità di lavorazione per svolgere l’anello magico o cerchio magico, come dir si voglia, e te li mostro in un video tutorial esplicativo.

Qual’è l’alternativa al cerchio magico per chi non lo sa fare?

Nel video ti mostro un’altro modo per iniziare un lavoro a cerchio iniziando con un cerchio di catenelle .

🎬 Come si inizia una base circolare

Video tutorial: come fare il cerchio magico e l’anello di catenelle

Il simbolo utilizzato nei grafici è solitamente un cerchio con al suo interno il numero di maglie da svolgere.

simbologia-cerchio-magico
  1. Il primo è il metodo dell’anello magico base e viene definito “Magic Ring o adjustable ring” in inglese
  2. Il secondo metodo, invece, viene lavorato con due giri di filo e in inglese si definisce “Double Magic Ring

☝ Il secondo metodo è molto più funzionale per avere un foro centrale più stretto, rispetto al primo metodo

Se ti viene difficile comprendere l’anello magico puoi svolgere un anello di catenelle.

Il simbolo utilizzato nei grafici è il seguente:

simbologia-anello-di-catenelle

da sinistra un cerchio formato da 6 catenelle, successivamente da 5 catenelle e infine da 4 catenelle.
metodo 1svolgi 4, 5 o 6 catenelle da chiudere a cerchio con 1 maglia bassissima.
Per sapere il numero esatto di catenelle da svolgere, dipende dallo schema che stai seguendo ed è chiaro che meno catenelle si svolgono, più stretto verrà il foro.
Infine lavora le maglie all’interno dell’anello appena realizzato.
metodo 2fai 1 CAT + il numero di catenelle iniziali che equivalgono al primo punto che devi lavorare (ad esempio: per lavorare nel cerchio la maglia bassa fai 2 CAT; per la mezza maglia alta ne fai 3 CAT e così via) poi si lavorano le maglie all’interno della prima CAT dall’uncinetto.
Spiegazione anello di catenelle

Ipotizziamo di avere uno schema che indica di lavorare 15 maglie alte nell’anello: svolgerai 1 CAT + 3 CAT che equivalgono alla prima maglia alta e poi svolgi le altre 14 maglie alte nella 1ª CAT dall’uncinetto.

Se lo schema indica che le 3 CAT iniziali non equivalgono alla prima maglia alta, allora svolgerai tutte e 15 maglie nella 1ª CAT dall’uncinetto.

La differenza tra le due modalità

Con la lavorazione in tondo possiamo iniziare a realizzare delle berrettine, dei guanti, una base per le borse e si possono iniziare le lavorazione dei famosi amigurumi!

La differenza tra questi metodi sta non solo nella manovra iniziale, bensì anche nel risultato che si otterrà nella lavorazione del cerchio.

Il metodo dell’anello magico ci permette di realizzare un cerchio in cui si può regolare il diametro dell’anello centrale fino a farlo quasi scomparire; a differenza del metodo con le catenelle che invece renderà ben visibile il foro centrale.

Quindi, nel caso della lavorazione di un amigurumi, è indicato il metodo dell’anello magico.


💭 Ti è tornato utile questo articolo? Scrivimi nei commenti se hai domande sull’argomento e lasciami la tua valutazione segnando le stelle qui sotto (1 stella non utile – 5 stelle utile)


Come valuti questo articolo?/ How do you rate this post?

Classificazione: 1 su 5.

Giulia Pinky Time

Il mio nome è Giulia, amo sognare e fantasticare. Quando ho imparato a lavorare all'uncinetto ho riscoperto la "bambina" che è in me ed ora gli amigurumi sono diventati la mia passione!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: