Gli amigurumi, quei deliziosi personaggi all’uncinetto o animaletti che hanno conquistato il cuore di tutte le amanti dell’uncinetto, non possono acquisire una forma tridimensionale se non viene usata l’imbottitura corretta.

In questo articolo, esploreremo il mondo dell’imbottitura per amigurumi, svelando i segreti per scegliere il materiale perfetto e donare alle nostre creazioni la consistenza ideale.

Tipi di imbottitura per amigurumi

Esistono diverse tipologie di imbottitura per amigurumi, ognuna con le sue caratteristiche e peculiarità:

  • la lana di vetro

È un’opzione economica e facilmente reperibile. La lana di vetro offre una buona morbidezza e volume, tuttavia può risultare irritante per la pelle e non è consigliata per bambini piccoli o persone allergiche.

  • Poliestere

L’imbottitura in poliestere è la più diffusa per gli amigurumi. È soffice, leggera e anallergica, garantendo una buona tenuta nel tempo. Inoltre è disponibile in diverse densità per soddisfare ogni esigenza

Imbottitura in poliestere per imbottire gli amigurumi
Consiglio per gli acquisti online da Giulia Pinky Time

Consiglio per gli acquisti

Questa è l’imbottitura che uso sempre per i miei amigurumi e l’ho acquistata su Amazon.

NON È UN LINK DI AFFILIAZIONE, CONDIVIDO SOLO LA MIA ESPERIENZA CON IL PRODOTTO ACQUISTATO PERSONALMENTE


  • Fibra di cotone

La fibra di cotone è un’imbottitura naturale, morbida e traspirante. Ideale per le pelli sensibili, come quelle dei bambini. È però più costosa rispetto al poliestere e tende a deformarsi nel tempo.

  • Lana cardata

La lana cardata offre un’imbottitura molto morbida e calda, perfetta per amigurumi che rappresentano animali pelosi. Tuttavia, può risultare pesante e non è lavabile in lavatrice.

  • Crusca di grano saraceno

Un’alternativa ecologica e biodegradabile di imbottitura è la crusca di grano saraceno che dona agli amigurumi un peso realistico e una consistenza particolare. Non è morbida come le altre imbottiture, ma è apprezzata per il suo aspetto rustico e il suo tocco naturale.

Scegliere l’imbottitura giusta per gli amigurumi

All’inizio della mia esperienza, ricordo di aver utilizzato dei fiocchi di cotone, come quelli che vedi nella foto qui sotto:

Fiocchi di cotone per imbottire le parti degli amigurumi

È stata la scelta più sbagliata, perché questo tipo di cotone, te lo consiglierei solo per imbottire delle parti strette, come ad esempio le braccia o le gambe dei pupazzetti.

La scelta dell’imbottitura dipende da diversi fattori e i principali sono:

  • Le dimensioni dell’amigurumi: per amigurumi piccoli è sufficiente una quantità minore di imbottitura, e possono andare bene i fiocchi di cotone che ti ho menzionato sopra; per quelli più grandi sarà necessario usarne di più.
  • La forma dell’amigurumi: alcune parti degli amigurumi, come la testa o la pancia, richiedono più imbottitura rispetto alle altre parti del corpo.
  • L’effetto desiderato: se desideri un amigurumi molto soffice, scegli un’imbottitura in poliestere o lana cardata. Se invece preferisci una creazione più compatta e soda, opta per la lana di vetro o la crusca di grano saraceno.
  • Le tue preferenze personali: alcune amigurumi designer preferiscono la morbidezza del cotone, mentre altre apprezzano la praticità del poliestere. Scegli l’imbottitura con cui ti senti più a tuo agio.

L’imbottitura ideale è l’ovatta molto soffice e che non si deformi, ossia che alla pressione poi ritorni alla sua forma originale.

Puoi ricavare dell’imbottitura sfoderando dei vecchi cuscini, è l’opzione più economica e che uso anche io!

Nel video qui sotto ti parlo dei filati e accessori che solitamente si usano per fare gli amigurumi e mi soffermo a parlare anche dell’imbottitura, quindi ti invito a guardare il video fino alla fine per saperne di più su questo tema.


Consigli per imbottire gli amigurumi

Ora che ti ho spiegato quali imbottiture puoi trovare in commercio, ti dò qualche consiglio utile per inserirlo nei tuoi amigurumi.

  • Inserisci l’imbottitura gradualmente: non riempire subito tutto completamente, ma procedi per sezioni, distribuendo l’imbottitura in modo uniforme.
  • Usa uno strumento per imbottire: un punteruolo, una matita o l’estremità di un uncinetto possono aiutarti a spingere l’imbottitura nei punti più difficili da raggiungere.
  • Chiudi bene l’amigurumi: assicurati di cucire accuratamente l’apertura degli amigurumi per evitare che l’imbottitura fuoriesca.
  • Controlla la consistenza: una volta imbottito, schiaccia delicatamente l’amigurumi per verificarne la consistenza. Se è troppo morbido, aggiungi più imbottitura, se è troppo duro, togline un pò.

Con un pò di pratica imparerai a distinguere le imbottiture adatte per i tuoi amigurumi e darai vita a creazioni morbide, soffici e irresistibili!

Conclusione

Abbiamo concluso questo argomento è abbiamo visto l’importanza che ha l’imbottitura per fare gli amigurumi.

Scrivimi nei commenti cosa ne pensi di questo argomento e condividi la tua esperienza. Sono curiosa di leggerti!

firma giulia

💭 Vuoi pubblicare il mio articolo sul tuo blog? Puoi ripubblicare i contenuti di questo post solo parzialmente e solo inserendo un link al post originale, cioè puoi prendere UNA SOLA foto e un piccolo estratto di testo aggiungendo sempre un link cliccabile al mio articolo.

Di Giulia

Il mio nome è Giulia, amo sognare e creare giochi per bambini. Quando ho imparato a lavorare all'uncinetto ho riscoperto la "bambina" che è in me e ora gli amigurumi sono diventati la mia passione!

Lasciami un commento e conosciamoci un pò!